In che modo le PMI possono accedere alle agevolazioni grazie al leasing?

Il leasing è lo strumento di finanziamento che meglio si presta a “scardinare” l’attuale stagnazione del credito bancario alle imprese per due motivi fondamentali: è la forma tecnica meno rischiosa per il settore bancario e finanziario ed è da sempre riconosciuto come lo strumento principale per finanziare gli investimenti produttivi. Inoltre è uno strumento di credito che stimola esclusivamente l’economia reale del paese; la sua dinamica da sempre anticipa quella degli investimenti.

Confermando il trend positivo del 2018, anche nei primi quattro mesi del 2019 il leasing su beni strumentali ha evidenziato risultati confortanti in termini di nuove stipule e di nuovi finanziamenti, facendo peraltro leva sulle misure di sostegno agli investimenti di cui al Piano Impresa 4.0.

Un connubio leasing–agevolazioni che ha toccato punte inaspettate, con il leasing che ha raggiunto livelli di penetrazione straordinari rispetto al finanziamento bancario, sia sulla Sabatini ter riguardante gli investimenti in beni strumentali ordinari (circa 71% nel solo mese di maggio), che sulla Tecno-Sabatini (64%) riguardante gli investimenti in beni strumentali 4.0 interconnessi.

Con le novità agevolative contenute nel decreto crescita di maggio (ripristino del superammortamento e semplificazione della Nuova Sabatini), è lecito attendersi un consolidamento della crescita del leasing anche nella seconda parte dell’anno.

In questa fase è fondamentale una conoscenza puntuale delle agevolazioni per far sì che le imprese possano essere indirizzate e cogliere le opportunità di investimento fornite dalle misure attualmente in campo.